7 aprile 2009

Pecorelle di Pasqua



A Pasqua per tradizione, si preparano (o si acquistano già pronte) le pecorelle di martorana. L'impasto è identico a quello della famosa frutta martorana, che invece si prepara durante il periodo della commemorazione dei defunti. La tradizione vuole che nel periodo normanno, in Sicilia, le monache del convento della Martorana , avessero preparato per la prima volta dei frutti, fatti con farina di mandorle e zucchero, per appenderli agli alberi del loro convento, in sostituzione di quelli già colti, per arricchire l'aspetto del loro giardino durante la visita di un personaggio molto importante, quale un alto prelato o, addirittura, un re. Da qui il nome dell'impasto utilizzato:Pasta Reale o Martorana.


INGREDIENTI: per 8\9 pecorelle da 200gr.

1 chilo di farina di mandorle
800 grammi di zucchero a velo
2 cucchiai di miele
100 grammi di acqua
2\3 fiale di aroma di mandorle
1 busta di vanillina

PER L'IMPASTO:

Su di un piano da lavoro disporre la farina di mandorle a fontana e aggiungere lo zucchero a velo, il miele, la vanillina e le fialette di aroma. Aggiungere l'acqua gradualmente e iniziare ad impastare il tutto. Un consiglio è quello di non impastare per troppo tempo poiché si rischia di rendere il composto troppo oleoso.
Con l'impasto ottenuto, formare delle sfere della dimensione giusta per la formina che si possiede. (Sono infatti in commercio delle forme di varia grandezza, 100-200-300 grammi etc.)
Dopo aver rivestito la formina con della pellicola trasparente, prendere l'impasto e spingerlo bene dentro la forma, quindi estrarla e lasciarla riposare almeno un giorno, prima di procedere alla colorazione.

PER LA DECORAZIONE:
Per colorare le pecorelle si devono usare colori alimentari, sciolti in una soluzione di acqua e alcool alimentare in parti uguali. In mancanza di alcool si può usare un liquore secco allo stato puro, tipo Gin, Cognac, Whisky...
Se invece si vogliono lasciare del colore della pasta martorana, si possono acquistare dei pennarelli alimentari per delineare solo la bocca e gli occhi.
Per decorare il cestino, si usano dei confettini alla cannella, dei cioccolatini, e tutto ciò che la fantasia suggerisce.